Come si ripara un tapparella

tapparellista milano

tapparellista milano

La tapparella è una chiusura avvolgibile come può esserlo una serranda, che viene utilizzata per chiudere le finestre delle case. Di norma è formata da elementi ad incastro di solito in PVC, grazie a questo sistema resiste molto alle intemperie. Capita a volte che anche la tapparella si guasti, soprattutto per quello che riguarda il meccanismo avvolgibile utilizzato per muoverle su oppure giu, mediante una cinghia.

Se non abbiamo voglia di ripararlo basta chiamare un tapparellista di fiducia che con pochi soldi, di solito effettua la riparazione. Se vogliamo farlo noi allora dobbiamo seguire alcuni passaggi fondamentali.

Come si ripara una tapparella ?

Per ripararla abbiamo bisogno di :

  1. una cighia nuova
  2. una scala
  3. Forbici robuste
  4. Taglierino (cutter)

Se la cinghia vecchia non si arrotola dobbiamo controllare il meccanismo di avvolgimento, che si trova nella scatola alla base della cinghia. Togliendo le viti si raggiunge la molla della cinghia. Adesso, se notiamo la presenza di nodi o di qualsiasi materiale che blocca il meccanismo, lo rimuoviamo e rimettiamo la cinghia nel vano scorrevole, se è fuoriuscita. Se invece il meccanismo a molla è rotto dobbiamo necessariamente sostituirlo. In questo caso è meglio smontare tutto ed estrarlo in modo da poterlo portare in ferramenta per acquistarne uno uguale.

riparazione tapparelle milano

riparazione tapparelle Milano

Più frequente è che la cinghia si rompa progressivamente in alto, a causa del peso della tapparella, e del suo continuo uso. In questo caso, con la tapparella completamente abbassata, procederemo togliendo l’asse che chiude il cassone. Se l’estremità della cinghia risulta logorata e strappata, bisogna rimuovere il pezzo danneggiato. Se la cinghia non stacca, dovremo toglierla dal gancio, praticando poi un taglio netto, almeno 3 cm sotto la zona consumata. A questo serve l’uso di una forbice robusta. Bruciare le fibre all’estremità appena tagliata con un accendino o un fiammifero per evitare che si sfibri.

Per poterla riagganciare, praticheremo col taglierino un taglio a forma di asola abbastanza grande da poter permettere il passaggio del gancio. Posizioniamo poi  la cinghia nel vano dell’avvolgitore, facendogli fare almeno due giri completi.

Se ritenete questo lavoro troppo difficile, contattate pure un fabbro esperto che sicuramente saprà fare il lavoro in maniera pulita e senza problemi.

Questa voce è stata pubblicata in professionisti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.